PoliEdro incontra Momusso: “Liberamarsi,” #vocabolariosentimentale

“Liberamarsi”, essere liberi di amare sé stessi e poi l’altro. Ed è un passaggio fondamentale, perché altrimenti è come se non amassimo.

Liberamarsi è una mostra che durerà sette giorni, dal 26 Aprile al 3 Maggio, in Santeria Paladini 8, Milano. Verrà presentato il progetto “Vocabolario sentimentale” dell’illustratrice momusso che ha abbracciato Poliedro, l’associazione LGBTI+ del Politecnico di Milano, per dare vita a sentimenti taciuti. Qui l’evento su Facebook.

Non sarà una semplice esposizione di illustrazioni perché abbiamo deciso di prendere i dubbi, le incertezze, i timori e i pregiudizi relativi alle relazioni e alle diversità e di farne arte. È nato così un forte desiderio di superare le paure, che ci ha spinti ad una collaborazione fra due mondi apparentemente diversi, l’illustrazione e la difesa dei diritti LGBTI+. Due mondi che però hanno dolcemente imparato a danzare insieme sulle note di sentimenti, diritti ed uguaglianza; entità differenti che si sono ritrovate simili nel coraggio di affrontare le proprie emozioni. Questo evento è nato grazie alle dolci grafiche di momusso che sono capaci di rendere reali pensieri e parole spesso dimenticati nel silenzio. Per questo durante la settimana saranno esposte alcune delle parole create da momusso nel suo progetto e altre nate proprio da questo incontro con PoliEdro.

Momusso e il suo Vocabolario Sentimentale

Momusso è Martina Lorusso, astro nascente dell’illustrazione. Ha iniziato il suo percorso non sapendo assolutamente disegnare ed è proprio a questa mancanza che deve la sua tenacia nel provarci.

Amori finiti, iniziati, notti insonni e lontananza da casa e dagli affetti sono sostanza dei suoi lavori. Una sognatrice che ha trovato il suo posto nel “cambiamento”: cambiare città, cambiare scuola, cambiare casa e coinquilini, cambiare treni. Ho una passione per gli amori impossibili e mi nutro principalmente di musica. Per essere felice ha sempre la valigia pronta, piena di sogni, sogni costruiti con il tempo, con caparbietà e sacrificio, cuciti addosso.

Momusso crea il suo Vocabolario sentimentale, perchè le parole di tutti i giorni non le bastano, vuole esprimere sentimenti e situazioni a cui non è ancora stato dato un nome.

“Illustronauta”, “Amorancora” o “Ricuplanare” sono solo alcune delle parole nate dal progetto che si è sviluppato su Instagram: #vocabolariosentimentale. Immagini e parole accompagnate dalla loro storia, per riuscire ad essere “maturi sentimentalmente”, per potersi finalmente capire.

In un abbraccio si legano due persone, una è momusso, l’altra è PoliEdro.

Rispondi